La nuova discarica di Roma sarà Fiumicino


Il dopo Malagrotta, finita nel mirino dell’Ue, è deciso: la nuova discarica scelta per evitare un’altra “emergenza Napoli” è Fiumicino. Dal vertice di ieri tra il presidente della Regione Polverini e gli assessori regionali sarebbe emersa anche la possibilità di prorogare ancora di sei mesi la chiusura di Malagrotta. Ma c’è di più: per realizzare la discarica di Fiumicino, precisamente in località Pizzo del Prete, ci vorranno tre anni, per cui si rende necessaria l’individuazione di un “sito tampone”, una discarica transitoria individuata nel territorio di Riano, a Pian dell’Omlo.

Ii cittadini di questo piccolo comune a nord della Capitale non ci stanno, e proprio ieri hanno manifestato contro la costruzione della discarica. Ma ieri a manifestare c’erano anche i cittadini di Fiumicino che, insieme agli amministratori, si sono riversati sulla Tiberina proprio all’altezza del sito individuato dalla Giunta. “La scelta è stata fatta e Fiumicino c’è cascata in mezzo. La decisione di realizzare un impianto di trattamento e una “mini-discarica” nell’area di Castel Campanile ci trova totalmente contrari. Non mi fido di questo “modello di riferimento” toscano spacciato dalla Polverini, che temo possa con il tempo trasformarsi in un inceneritore bello e buono”. È l’accusa del consigliere comunale del Pd, Michela Califano. “Dal sindaco Canapini, dalla giunta di Roma Capitale e da quella Regionale non potevamo aspettarci altro – ammonisce Michela Califano -. I compagni di merende alla fine hanno chiuso il cerchio, alla faccia dei cittadini di Fiumicino e di quella qualità della vita che il centrodestra continua a spacciare come proprio cavallo di battaglia”.
“Mi ero illusa – continua – che il sindaco Canapini, figlio della città che governa, potesse difendere gli interessi dei suoi compaesani. È stato tutto il contrario. Dopo aver perso tutti i treni messi a disposizione dalla Provincia di Roma, Gasbarra prima Zingaretti poi, per introdurre una differenziata importante all’interno del Comune di Fiumicino che in tre anni ci avrebbe puntare su discariche e inceneritori. Senza dimenticare il via libera al raddoppio dell’aeroporto, accolto quasi con entusiasmo dal centrodestra locale. Il Pd cercherà in tutti i modi di opporsi a questa scelta scellerata, senza arrendersi, ricorrendo a ogni forma di protesta civile che si possa adottare”.

“No a una discarica, piccola e grande che sia. No al modello di riferimento di smaltimento dei rifiuti di cui parla il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, che suona tanto come un gassificatore mascherato”. È la presa di posizione dei consigliere comunali del Pd, Silvano Zorzi e Alessandra Vona. “Ne eravamo certi – sottolineano gli esponenti pd -, Fiumicino non poteva rimanere fuori da questo giro. Tutta questa storia dimostra una sola cosa: il centrodestra continua a prendere in giro i cittadini e raccontare favole. Dopo aver votato un ordine del giorno anti-discarica, e non aver voluto allargare il documento all’ipotesi inceneritore, ecco l’ennesima beffa per gli abitanti di Fiumicino”.

“In merito alla localizzazione delle discariche a Fiumicino vorrei sottolineare che è una scelta tecnicamente e politicamente sbagliata – ha spiegato Mario Baccini, deputato romano del Pdl – perché nell’area vi sono zone protette e strutture sanitarie sensibili come l’ospedale Bambin Gesù. Inoltre voglio ricordare che non si può sovraccaricare un territorio che già ospita un centro per lo smaltimento del compost dei mercati generali di Roma e impianti simili. La soluzione dello smaltimento dei rifiuti nel Lazio sta a cuore a tutti noi e per questa ragione lavoreremo per sostenere il presidente della Regione e chiunque abbia idee propositive per evitare l’emergenza. Non ci sottrarremo, se ce lo chiedono, a sostenere un piano condiviso”.
Mentre il senatore dell’Italia dei Valori Stefano Pedica propone un “referendum ambientale sulla gestione dei rifiuti a Roma: dovrà essere ancora e sempre privata o finalmente pubblica? Questo il quesito al quale chiamerei i cittadini a dare risposta”.

Annunci

Dietro front sul nucleare? Un trucco del governo


Oggi il Governo ha deciso di rivedere le sue posizioni sul nucleare decidendo di abrogare le norme per la realizzazione di nuove centrali atomiche. Il Consiglio dei ministri, in fatti, inserendo un emendamento nella moratoria, già per altro prevista nel decreto legge Omnibus all’esame del Senato, ha di fatto revocato tutte le norme previste per la realizzazione di nuovi impianti.
“Al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche, non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare”, si può legge nel testo.

Questa decisione dovrebbe incidere sul referendum sul ritorno al nucleare del 12 e 13 giugno, annullandolo.
”Ad una lettura più approfondita l’emendamento di sospensione sine die del programma nucleare presentato al Senato ha le conseguenze di un’abrogazione delle disposizioni sottoposte a quesito referendario ma non del complesso di norme che hanno rilanciato il nucleare in Italia. Questo significa che in realtà si dovrebbe andare in ogni caso alle urne – ha spiegato Stefano Leoni, presidente del Wwf Italia – Un Governo autorevole deve avere il coraggio di parlare senza fraintendimenti al popolo che rappresenta. Non può permettersi di giocare con le parole”.

Anche Greenpeace è scettica. “Il Governo ha paura dell’opinione degli elettori”, spiega l’associazione ambientalista in un comunicato. Insomma, questo è un caso di “furbizia preventiva che coglie un dato reale: la forte opposizione degli italiani al nucleare”. Il Governo starebbe solo cercando di “prendere tempo, abrogando solo alcuni punti della legge, per evitare che gli italiani si esprimano attraverso il referendum e poi tornare a riproporre il nucleare tra un anno”. Greenpeace conclude: “se il Governo italiano volesse fare seriamente dovrebbe reintrodurre gli incentivi sulle fonti energetiche rinnovabili, al momento completamente paralizzate dallo scellerato decreto Romani. Greenpeace chiede di adottare il sistema tedesco, alzando gli obiettivi per l’eolico e il fotovoltaico”.

Napolitano firma il decreto ammazza-rinnovabili


Il Presidente della repubblica ha appena firmato il decreto sulle energie rinnovabili criticato da più fronti, associazioni ambientaliste e del settore, che stabilisce un adeguamento verso il basso delle tariffe incentivanti. Si penalizza un settore che occupa 140 mila persone, uno dei pochi – in Italia – che non ha risentito della crisi.

Qual’è l’alternativa alla dipendenza dal petrolio e dal gas? Secondo questo governo è il nucleare, mentre le fonti rinnovabili rappresenterebbero “una percentuale minima per il nostro fabbisogno, come ha sottolineato oggi il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. “Sappiamo tutti che il falso ambientalismo ideologico della sinistra ha seminato un mare di paure e ha bloccato fino a qui in Italia tutto ciò che negli altri paesi è stato normale – ha detto – e quindi termovalorizzatori, le centrali nucleari ed anche le grandi opere”. La verità? Spiega Berlusconi che “tutti i paesi puntano sul nucleare”. Cina, India, Francia, Svizzera.
Insomma, dovremmo mettere una pietra sopra allo sviluppo delle energie rinnovabili per dar spazio al nucleare?
Secondo quanto emerge dal decreto sulle energie rinnovabili, redatto dal ministro allo sviluppo economico Paolo Romani, approvato da Palazzo Chigi lo scorso giovedì e firmato oggi dal Presidente della Repubblica, sicuramente sì. Questo perché da giugno si stabilisce un adeguamento verso il basso delle tariffe incentivanti.
Tra le novità, criticate dalle associazioni ambientaliste e dagli imprenditori del settore, i tagli alla realizzazione di impianti su terreni agricoli, i tagli sull’eolico e il congelamento del “conto energia” sul solare, varato appena lo scorso 6 agosto.
Le altre critiche mosse al provvedimento sul fatto che lo schema del D.Lgs. nel testo adottato dal Consiglio dei Ministri viola uno dei principi cardine del nostro ordinamento giuridico”. Come ha spiegato Pietro Pacchione, consigliere delegato di Aper, Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, “è un atto arbitrario del Governo senza l’intesa delle Regioni che si sono pronunciate su un testo sostanzialmente da quello approvato dal Consiglio dei Ministri. Sono state inoltre violate le prerogative parlamentari e, in particolare, la delega conferita al Governo”, che avrebbe quindi adottato un testo con finalità opposte a quelle stabilite dal Legislatore.
Duro anche il commento del presidente di Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti), secondo il quale la revisione del “conto energia” creerà “una situazione di grave incertezza e confusione per le imprese che hanno investito nel settore delle rinnovabili in base alle tariffe incentivanti del terzo Conto Energia”. Le rinnovabili e l’efficienza energetica infatti, rileva il Wwf, ”sono la spina dorsale della nuova economia, che si sta sviluppando in tutto il mondo e sono anche l’unica vera strada per garantirsi la sicurezza energetica”.
Penalizzare un settore che occupa 140 mila persone, significa anche frenare il raggiungimento dell’obiettivo del 17% della produzione energetica totale da fonti rinnovabili entro il 2020, stabilita dall’Unione europea e condivisa dall’Italia.
”Il governo si fermi – afferma in una nota odierna la segreteria nazionale di Sinistra Ecologia Libertà – non accetteremo che, per imporre il nucleare, vengano affossate le energie rinnovabili, di cui il fotovoltaico è lo strumento più flessibile e più alla portata di famiglie ed imprese”.

1 milione e 400 mila firme per l’acqua pubblica


«Oggi è l’ultimo giorno in cui controlliamo le firme, domani si inscatola tutto. Siamo molto oltre il milione». Questo uno dei messaggi che il Forum italiano dei movimenti per l’acqua, costituito da centinaia di comitati territoriali che si oppongono alla privatizzazione, postava ieri sulla sua pagina di facebook. 1.401.492, per l’esattezza, sono le firme raccolte in questi tre mesi, dal nord al sud d’Italia, contro il decreto Ronchi che, di fatto, vuole privatizzare il prezioso bene comune, e che oggi sono state depositate in Cassazione. Il Comitato promotore ha voluto festeggiare in piazza Navona, a Roma, il risultato raggiunto. «Un risultato straordinario sia dal punto di vista numerico, perché nessun referendum fin’ora aveva raccolto 1 milione e 400 mila firme in così poco tempo, – spiega Marco Bersani, presidente del Forum italiano dei Movimenti per l’acqua – ma soprattutto è un risultato politico straordinario perché è stato ottenuto da una coalizione sociale dal basso, senza grandi padrini politici e senza finanziatori, senza grandi mass media. Il segnale che emerge da questa straordinaria campagna è, da una parte, la sensibilità sul tema dell’acqua, che oramai è diffusa e radicata in tutti i territori. Dall’altra un enorme segnale di richiesta di democrazia, cioè del fatto che le donne e gli uomini di questo paese vogliono decidere su ciò che appartiene loro. Come primo atto politico chiediamo immediatamente una moratoria al governo su tutti i decreti attuativi, il decreto Ronchi, e quindi diciamo che poiché l’anno prossimo a questo punto il popolo italiano si dovrà pronunciare sulla gestione dell’acqua, lo deve fare a bocce ferme. E poi chiediamo alle amministrazioni locali di non procedere secondo i dettami del decreto Ronchi perché una parte di questo paese ha messo esattamente in discussione quel decreto e chiede che si pronuncino tutte le donne e gli uomini di questo paese».
È ora, dicono quelli del Forum, che «parte l’avventura», che i referendum iniziano il loro iter istituzionale. Perché dopo la consegna in Cassazione la Corte costituzionale si dovrà pronunciare, probabilmente in febbraio, sull’ammissibilità dei tre quesiti presentati che vogliono che l’acqua sia un «bene comune», che questa preziosa risorsa sia sottratta alla morsa del mercato e a quella delle norme, contenute nel decreto, che stabiliscono che dal primo gennaio del 2011 gli enti locali debbano affidare la gestione dell’acqua pubblica ai privati. «Vogliamo restituire questo bene comune alla gestione condivisa dei territori. Per garantirne l’accesso a tutte e tutti. Per tutelarlo come bene collettivo. Per conservarlo per le future generazioni», è uno dei messaggi che si può leggere sul sito del Forum: http://www.acquabenecomune.

Un nucleare né di destra né di sinistra

«Riteniamo che non sia in alcun modo giustificata l’avversione al reingresso dell’Italia nelle tecnologie nucleari», questo è uno stralcio di una lettera che 72 firmatari, tra scienziati, imprenditori, parlamentari, hanno firmato e inviato al segretario del Pd, Pierluigi Bersani.
Una lettera aperta, pubblicata integralmente su «Il Riformista», per chiedere alla sinistra di evitare «pressappochismo e atteggiamenti antiscientifici» sul nucleare che può «aiutare a combattere le emissioni di C02».
Tra i firmatari figurano Umberto Veronesi, Chicco Testa, Tiziano Treu, di cui sono note le posizione «pro atomo» e Margherita Hack che, durante il vertice di Copenhagen sul clima dello scorso dicembre, aveva esplicitamente dichiarato che il nucleare «non deve essere demonizzato perché non ne potremo fare a meno».
Senza troppi giri di parole, i firmatari chiedono al segretario del Pd «di prendere atto che il nucleare non è né di sinistra, né di destra e che, anzi, al mondo molti leader di governi di sinistra e progressisti puntano su di esso per sviluppare un sistema economico e modelli di vita e di società eco-compatibili: Brasile con Lula, Usa con Obama [che oggi ha congelato l’accordo sul nucleare civile con Mosca ndr.], Giappone con Hatoyama, Gran Bretagna con Brown».
La lettera conclude con un invito: «Occorre evitare il rischio che nel Pd prenda piede uno spirito antiscientifico – si legge – un atteggiamento elitario e snobistico che isolerebbe l’Italia, non solo in questo campo, dalle frontiere dell’innovazione. Ampi settori di intellettualità tecnica e scientifica, che un tempo guardavano al centrosinistra come alla parte più aperta e moderna dell’Italia, non ci capiscono più e guardano altrove».

Si chiede al Pd di prendere una posizione. Ma «sul nucleare la posizione del Pd, contraria all’attuale nucleare, è assolutamente chiara – hanno ribadito oggi Roberto Della Seta e Francesco Ferrante, senatori del Pd – è la stessa di grandi forze progressiste europee, dai socialdemocratici tedeschi ai liberali inglesi alle forze emergenti dell’ecologismo riformista. Se qualcuno, sulla base di visioni e analisi un po’ datate vuole cambiarla, lo proponga nelle sedi democratiche del partito e si voti».

Del resto sembrano allungarsi i tempi di una reale ripresa del programma nucleare italiano, come ha fatto intendere il presidente e amministratore delegato di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini. Il ritardo sarebbe imputabile alle recenti dimissioni di Claudio Scajola dal ministero dello sviluppo economico. «Il ministro – ha detto l’ad di Finmeccanica – si stava impegnando molto e stava spingendo molto sulla ripresa del programma nucleare in Italia».
C’è da metter anche in conto che numerose regioni, Puglia in testa, hanno fatto ricorso contro la legge 99 del 2009, che disciplina il ritorno del nucleare in Italia. E proprio la Puglia, lo scorso 7 maggio, ha impugnato il decreto 31/2010 «recante la disciplina della localizzazione, realizzazione ed esercizio di impianti per la produzione di energia nucleare sul territorio nazionale», per ribadire il «no» della Regione al ritorno del nucleare.

La marea nera non la ferma nessuno

Non mi sembra normale che un colosso come la British Petroleum, in crisi dopo il fallimento il primo tentativo della “cupola” di imbottigliare il petrolio (che si è riversato in mare dopo l’incidente alla piattaforma Deepwater Horizon) apra un sito per raccogliere consigli e suggerimenti di chicchessia.
La società ha di fatto ha lanciato un sos. E’ come ammettere che, a due settimane dal disastro, ancora un piano non c’è.
E intanto il petrolio continua a fuoriuscire, alcuni media parlano di 5 mila barili al giorno, circa 750 mila litri. Sono quelli che sgorgano dal pozzo in fondo al mare. Pare che la Bp ci riprovi domani ad installare la cupola. Se, anche questa volta dovesse fallire, gli ingegneri stanno pensando ad un cumulo di detriti per bloccare le falle del pozzo oppure di creare un anello di isole artificiali – ottenuto dragando sabbia e fango dal fondale marino – per proteggere le coste.
Tra tentativi e suggerimenti vari la marea di petrolio grezzo ha raggiunto le Isole Chandeleur, un arcipelago e area di sosta preferita di molti uccelli migratori, e tra poco raggiungerà le coste della Louisiana.

Copenaghen. Domani 192 paesi al summit sul futuro della Terra

Arriva l’ora della verità per la lotta al cambiamento climatico: dopo mesi e mesi di dichiarazioni, promesse, rivendicazioni e negoziati a rilento, migliaia di rappresentanti di 192 paesi da domani per dodici giorni sono riuniti a Copenaghen per il vertice sotto l’egida Onu da cui dovrebbe emergere la strategia globale per fermare il riscaldamento del pianeta.
Al vertice che si terrà al Bella Center della capitale danese, dove sono stati già accreditati 5mila giornalisti, è atteso un centinaio di capi di Stato, un evento senza precedenti da tempi del Summit della Terra di Rio de Janeiro nel 1992. Il presidente Usa Barack Obama sarà al vertice il 18 dicembre, insieme agli altri capi di Stato che arriveranno per partecipare alla chiusura delle riunioni, tra il 17 e il 18.
La 15esima Conferenza dei partecipanti alla Convenzione Onu sul cambiamento climatico ha l’obiettivo dichiarato di dare un seguito al Protocollo di Kyoto, il primo trattato giuridicamente vincolante sul clima in scadenza a fine 2012. L’obiettivo largamente condiviso del summit è limitare la crescita della temperatura del mondo a due gradi centigradi, attraverso una drastica riduzione della emissioni di gas a effetto serra.
Per sperare di restare sotto quota due gradi gli scienziati affermano che le emissioni globali di gas serra, dovute in larghissima parte alle combustione di carburanti fossili, vanno senz’altro dimezzate entro il 2050. Ma i conti non tornano.
Gli impegni annunciati fino ad oggi dai paesi industrializzati per il 2020 implicano un calo tra il 12 e il 16% delle loro emissioni rispetto ai livelli del 1990, ben lontano dalla forchetta 25-40% individuata dagli esperti come buona base di partenza per raggiungere gli obiettivi al 2050.
Il negoziato si presenta difficile, aspro. E nel rush finale, quando si tratterà di stringere sugli accordi, è annunciata anche la presenza del premier indiano, Manmohan Singh, in rappresentanza di uno dei grandi Paesi che si accostano con maggiore cautela. L’India e la Cina – che hanno chiesto che non vi sia alcun vincolo sulla riduzione delle emissioni – additano le “responsabilità storiche” dei paesi industrializzati nel riscaldamento globale. I paesi poveri, i più esposti ai danni di un cambiamento di cui non sono responsabili, chiedono a gran voce aiuti per l’adattamento. E’ pressoché escluso che nella capitale danese si possa arrivare alla firma di un trattato giuridicamente vincolante e i negoziatori mirano a un accordo politico, quanto più ampio e dettagliato possibile, di cui una parte possa entrare in vigore subito. Mentre per il trattato occorrerà aspettare il 2010, forse la conferenza di Città del Messico a fine anno.
Copenaghen sarà il palcoscenico, oltre che del summit, di decine di manifestazioni, dalle veglie per il clima illuminate dalla luce delle candele, agli appelli alla “disobbedienza civile”. Sono attese 30mila persone.

Intanto in questi ultimi giorni diverse migliaia di persone sono scese in piazza in quattro capitali europee per fare pressioni sui leader mondiali affinché venga raggiunto un accordo vincolante per la lotta al riscaldamento globale. La protesta più forte ha visto Londra protagonista invasa dall'”onda blu”. Migliaia di persone, 40mila per gli organizzatori, sono scese in piazza vestite di blu, con il viso ricoperto di vernice blu, si sono poi diretti verso il Parlamento con striscioni con la scritta: “Adesso giustizia climatica; cambiamento climatico: la fine è vicina”. A Berlino gli attivisti, fingendosi leader mondiali, si sono seduti all’interno di un acquario gigante, che a mano a mano veniva riempito di acqua, per sottolineare i rischi dell’innalzamento del livello dei mari a causa dallo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia e dell’Antartide. A Parigi la manifestazione ha coinvolto 1.500 persone mentre un corteo variopinto formato da diverse centinaia di persone ha invaso il quartiere comunitario a Bruxelles per chiedere, come scritto nello striscione d’apertura della manifestazione, “misure forti a Copenaghen”.