Il 14 luglio blogger e giornalisti tutti zitti

nuovobanner2La proposta di Alessandro Gilioli è che i blogger, che dal decreto intercettazioni ricevono una bella mazzata intimidatoria con il cosiddetto obbligo di rettifica, si uniscano ai giornalisti nella giornata di protesta e di silenzio del 14 contro il decreto sicurezza.

In un una nota della Fnsi, i giornalisti “si fermeranno per una giornata di silenzio, il 14 luglio prossimo, con blocco però dell’attività nella carta stampata il 13 luglio, per contrastare il ddl Alfano sulle intercettazioni che introduce inaccettabili divieti al diritto di informazione sulle indagini e sulle inchieste giudiziarie”.

gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/07/04/14-luglio-e-on-line-diritto-alla-rete/

dirittoallarete.ning.com

censura

Il caldo ha ristretto le pecore Soay in Scozia

2890099159_ee8eeece19Il surriscaldamento globale, che ha abbreviato e reso piu’ miti gli inverni, sta rimpiccolendo la taglia delle pecore selvatiche che vivono a Hirta, una sperduta isola scozzese. Lo rivela uno studio di un un’equipe di ricercatori britannici che ha risolto un mistero che tormentava da un paio d’anni gli scienziati.
Gli studiosi hanno infatti scoperto che la perdita di peso e il rimpicciolimento della taglia sono un esempio di come il clima possa contrastare la selezione naturale, che dovrebbe favorire un corpo piu’ grande. Gli scienziati dell’Imperial College di Londra hanno misurato e pesato per un quarto di secolo le pecore Soay, che vivono nell’isola dell’arcipelago St.Kilda. Anche se in termini generali si sa che la pecora piu’ grande ha maggiori probabilita’ di sopravvivenza, le Soay di fatto si sono rimpicciolite negli ultimi venticinque anni. Questo rimpicciolimento contrasta con i fondamenti della teoria dell’evoluzione di Darwin, secondo cui nella storia sopravvivono i piu’ forti della specie, e dimostra, secondo gli scienziati, che il riscaldamento globale sta influendo anche su questo aspetto della natura.
Lo studio, condotto da Tim Coulson e pubblicato sulla rivista “Science”, ha osservato che gli inverni sull’isola sono diventati piu’ corti e piu’ miti e l’erba piu’ abbondante; gli agnelli, dunque, non devono piu’ ingrassare per sopravvivere e anche quelli piu’ piccoli arrivano all’eta’ adulta. “Nel passato sopravvivevano solo le pecore grandi, in salute, e gli agnelli che erano ingrassati nella prima estate potevano sopravvivere agli aspri inverni su Hirta. Ma ora, a causa del cambio climatico, l’erba si trova per tanti mesi all’anno, e le condizioni di sopravvivenza non sono piu’ cosi’ proibitive. Riescono a sopravvivere dunque anche le pecore di taglia piu’ piccola che stanno diventando sempre piu’ numerose.