L’esercito tedesco testa le armi chimiche sugli animali

mascheraantigasLe forze armate tedesche hanno condotto dal 2004 in poi esperimenti su migliaia di animali, per testare gli effetti delle armi chimiche e biologiche. Lo scrive il quotidiano Bild, citando un documento del ministero della Difesa di Berlino. Almeno 3.300 animali sarebbero stati uccisi in questo modo. In particolare, a seguito dei test sarebbero morti almeno 2220 topi, 706 porcellini d’India, 276 ratti, 84 conigli, 76 maiali e 18 macachi.
La Bundeswehr (le forze armate federali) hanno condotto tra gli altri esperimenti con gli agenti patogeni dell’antrace, dell’ebola e della febbre Congo-Crimea. Il ministero della Difesa tedesco ha confermato i test, condotti “per prevenire, riconoscere e trattare malattie, dolori e danni corporali relativi a uomini o animali”, come spiegato alla Bild dal sottosegretario alla Difesa Thomas Kossendey. Critiche sono giunte dalle associazioni a difesa degli animali.

Annunci

Blog Clandestino. Oggi sciopero con lutto di blog e siti internet

logosmalljpgjy8Dopo l’annuncio di ieri di Berlusconi sulla «regolamentazione di internet per tutto il mondo» che il governo Italiano proporrà prossimo G8 è scattata l’ira del popolo della rete, come il gruppo di Facebook «Salva i blog! No al Ddl Levi n.1269» e Bobi, Boicotta il biscione, che hanno avviato la mobilitazione della rete italiana per bloccare il progetto di legge dell’onorevole Ricardo Franco Levi, attualmente in discussione alla settima commissione cultura della Camera, che vorrebbe ridurre alla clandestinità i blog e i siti liberi d’informazione.

E’ oggi è sciopero con lutto dei blog e dei siti internet.

«Questa norma [Ddl Levi] deve essere immediatamente ritirata e devono essere sottratti alla legislazione sull’editoria tutti i mezzi internet utilizzati per esprimere e diffondere informazioni ed opinioni se gestiti in forma amatoriale, indipendentemente dalla loro capacità di produrre profitti», si legge su ammazzablog.wordpress.com dove si possono trovare anche le istruzioni su come partecipare allo sciopero: «oscura il tuo sito con una pagina nera, il logo, il video ed il testo del nostro messaggio».
Per la fine di gennaio poi ci sarà il NormaCamp, una conferenza auto-organizzata per discutere con parlamentari e blogger l’eventuale tipo di regolamentazioni da proporre.

normacamp_big