L’inconcludente G8 ambiente di Siracusa

g8-ambiente-il-sito-ufficiale-sul-vertice-e-on-line

«Siamo tutti incoraggiati dalla nuova posizione degli Usa assunta da Obama – ha esordito ieri durante la prima giornata del G8 ambiente di Siracusa il ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo – è un segnale importante sui temi dell’ambiente e della tecnologia. Anche la sua amministrazione ha scelto di puntare sulle tecnologie a basso contenuto di carbonio». Quell’«anche» lascerebbe intendere che pure il nostro governo è orientato su questa strada. Niente di più falso. Ad iniziare proprio dall’orientamento della ministra che inneggia alla realizzazione, in Sicilia, di ben quattro inceneritori e di una centrale nucleare. Per non parlare delle grandi opere, et similia, su cui il governo continua ad insistere.
Il paradosso di tutto questo si concentra nella scelta di uno degli «sponsor ufficiali» di questo G8: un’acqua minerale, la veneta San Benedetto. Bottiglie di acqua sono servite generosamente dalla giornata di ieri con un escamotage poco credibile, ossia l’etichetta «eco friendly» che vi è stata apposta. Che vuol dire tutto ciò? Che le bottigliette sono state prodotte con meno plastica, il meno 30 per cento. Sempre di plastica si tratta però. Non sarebbe stato meglio offrire brocche d’acqua fresca di rubinetto? Chissà cosa direbbe la Ninfa Aretusa tramutata in una limpida fontana che tutto il mondo conosce e che si trova proprio qui, a Ortigia.
La scelta poi di allestire la sala stampa con materiale riciclato è una magra consolazione. Sedie e tavoli realizzati con cartone riciclato e un ufficio stampa che non emetterà comunicati su carta ma soltanto on line, a cosa serviranno se non verranno siglati accordi concreti, ad esempio per limitare i danni dei cambiamenti climatici, tutelare la biodiversità, minacce serie per l’umanità?

A ben vedere il nostro governo che anche sul protocollo di Kyoto ha chiesto di «non essere così fiscali» a causa della crisi, ha presentato una mozione approvata in Senato pochi giorni fa, nella quale la negazione delle emergenze ambientali la fa da padrone. Nella mozione, firmata da 37 senatori della Pdl, tra cui il presidente della Commissione ambiente del Senato Antonio D’Alì, si nega che «il livello dell’acqua negli oceani non sta aumentando a ritmo preoccupante», si afferma che «i ghiacciai basati su terraferma nelle calotte polari non si stanno sciogliendo», che «il numero e l’intensità dei cicloni ed uragani tropicali non sta aumentando» e che «negli ultimi dieci anni la temperatura media al suolo dell’atmosfera terrestre non risulta aumentata». Per fare pochi esempi.
«Non è per niente chiaro quali saranno le conclusioni di Siracusa e, a dire il vero, ci preoccupa il fatto che venga promosso ufficialmente come primo risultato l’accordo siglato ieri fra un’azienda, l’Enel, e un paese, l’Australia, per lo stoccaggio di anidride carbonica [CO2] – ha commentato Mariagrazia Midulla, responsabile clima ed energia del Wwf Italia – Lo stoccaggio della CO2 è necessario ma la green economy è altro, come indicano anche le dichiarazioni di ieri del presidente Obama. Né sono chiare le intenzioni dei ministri in materia di biodiversità, a fronte delle nostre richieste di mettere l’uso sostenibile delle risorse naturali al centro delle politiche mondiali, anche economiche: era in programma alle 13 una conferenza stampa, per ora rimandata. Insomma, speriamo che questo vertice non si riduca solo a qualche buon accordo economico tra privati».
Poi c’è la questione dei fondi di adattamento e per lo sviluppo sostenibile che non ha convinto le Ong che per la prima volta si sono sedute allo stesso tavolo con i ministri dell’Ambiente del G8 e dei paesi a economia emergente. Secondo un rapporto diffuso da Oxfam International, partner dell’Ong italiana Ucodep, nel 2015 potrebbero essere 375 milioni le persone colpite ogni anno da calamità legate al cambiamento climatico, con un aumento di almeno il 50 per cento rispetto alla media attuale di 250 milioni l’anno.

Soluzioni concrete e un profondo cambiamento culturale e politico, chiedono i movimenti riuniti a Siracusa «G Tutti» e «Contro G8», un cartello formato dai centri sociali, associazioni, sindacati di base, Rifondazione comunista e Pdci, sceso in piazza oggi per una contromanifestazione partita da piazza Sgarlata dietro lo striscione «Un attacco contro il futuro dell’isola il G8 ambiente, non pagheremo la vostra crisi con la nostra terra». Il corteo, formato da un migliaio di persone a cui si sono uniti anche alcuni rifugiati nordafricani che chiedono alla Prefettura e alla Questura di fornire loro i documenti, è partito nel primo pomeriggio in una Siracusa blindata e guardata a vista da un considerevole schieramento delle forze dell’ordine. «A otto anni dalla rivolta di Genova gli otto grandi troveranno ad attenderli, con la stessa determinazione di sempre, i movimenti che hanno riempito le piazze di tutto il mondo per opporsi al neoliberismo, allo sfruttamento, alla guerra, alla devastazione del pianeta», si legge sul sito nog8sicilia.org.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: