De Gennaro rivede il piano. Proteste a Savignano Irpino

Tensione questa mattina a Savignano Irpino, nell’avellinese, tra le forze dell’ordine e i manifestanti che si opponevano al passaggio delle trivelle in Contrada Pustarza dove, secondo il piano De Gennaro, dovrebbe sorgere una megadiscarica da 700 mila tonnellate.
Alcuni manifestanti che facevano da barriera al passaggio delle trivelle sono rimasti contusi nello scontro con i poliziotti in assetto antisommossa [in tutto trecento] che scortavano i pesanti macchinari sulla statale delle Puglie. Altri manifestanti invece hanno successivamente occupato i binari della linea ferroviaria Caserta–Foggia tra le stazioni di Pianerottolo e Savignano. A dare manforte agli abitanti di Savignano c’è anche la popolazione di Monteleone delle Puglie, il piccolo comune in provincia di Foggia che confina con il terreno della discarica.

Se la Germania risponderà al sos del super-commissario De Gennaro potrebbero ripartire oggi i treni carichi d’immondizia.
Un palliativo per ridurre la mole di spazzatura che continua ad ingombrare le strade di Napoli e dell’intera regione con oltre 200 mila tonnellate. Ma anche una soluzione momentanea, si spera, per individuare altre siti utili dal momento che, con una ordinanza, sabato scorso De Gennaro ha stabilito che le discariche di Villaricca e Difesa Grande ad Ariano Irpino non sono idonee.
I rilievi tecnici, necessari per riaprirle, hanno infatti evidenziato che «non sussistono le condizioni ambientali e di tutela della salute». De Gennaro ha così ammesso i primi dati in suo possesso erano sbagliati, datndo ragione ai cittadini che in questi mesi sono scesi in piazza a protestare.

Dice Crescenzo del comitato Area Flegrea www.areaflegrea.blogspot.com : «Dichiarare che i luoghi inizialmente destinati a diventare discariche e siti di stoccaggio non sono idonei ed ecocompatibili, significa avvalorare e condividere le ragioni della nostra protesta, il loro contenuto scientifico, il carattere popolare della sollevazione volta a denunciare gli errori della pubblica amministrazione».
«La presa di posizione del commissario De Gennaro rappresenta un gesto responsabile, dove anche in piena emergenza si tiene, finalmente conto, del rispetto della salute della gente – ha detto Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania – De Gennaro prosegua in questa direzione, unica strada per riacquistare la fiducia dei cittadini senza la quale difficilmente si può realizzare un ciclo integrato dei rifiuti. Ora, però, è fondamentale che le verifiche e le parole del commissario non rimangano lettera morta».

Se le vecchie discariche non possono riaprire si punta su quei siti individuati nel decreto dello scorso luglio: Savignano Irpino [Avellino], Sant’Arcangelo Trimonte [Benevento] e Terzigno [Napoli].
Ma per attrezzare queste ultime, se ci fosse l’ok dopo i rilievi, i tempi non saranno brevi. Ecco che De Gennaro si gioca la carta della Germania.
«Non riaprirà nemmeno Lo Uttaro, nel casertano perché–ha spiegato De Gennaro–sono stati avviati accertamenti per conto dell’autorità giudiziaria, cui spetta il compito di valutarne l’esito al termine dei relativi esami». La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha infatti aperto un’inchiesta per disastro ambientale.
Proprio a Caserta mercoledì 21 febbraio ci sarà una fiaccolata che partirà alle 19 dal parco degli Aranci. Parteciperà don Oreste Farina il parroco che ha lottato contro la «discarica di veleni», per dire basta all’inquinamento e malattie.
«Il territorio casertano ha già dato, lo sanno anche i nostri amministratori ma non fanno nulla per difenderci – dicono quelli del Comitato civico cittadini casertani–Per ultimo ci hanno scaricato circa 300 metri cubi di rifiuti pericolosi con lo Uttaro e nonostante ciò abbiamo le strade piene di immondizia marcia. Paghiamo una cara tassa dei rifiuti senza alcun servizio, anzi per avvelenarci e disgustarci ogni volta che usciamo di casa. La nostra terra, la nostra gente merita di vivere dignitosamente».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: